Giovani salinesi di successo: Ester

Segnaliamo le recensioni al libro trovate in rete.


Udite, udite! Con una certa emozione saluto e festeggio l’uscita in libreria del primo romanzo di una nostra compaesana. Ester Armanino è riuscita, secondo me, in una grande impresa, affacciarsi nel mondo dell’editoria, senza conoscenze, senza raccomandazioni e trovare la via della pubblicazione con un grande editore nazionale come la Einaudi. Chapeau, cara Ester! ‘Storia naturale di una famiglia’ è uscito da pochi giorni ed è stato presentato martedì 31 maggio alle 18 alla Feltrinelli di Genova. Personalmente non vedo l’ora di leggerlo. Sapere che una persona che conosci, magari anche solo superficialmente, ma con cui hai condiviso qualche chiacchierata e qualche serata sulla piazza di Salino, scrive e pubblica un libro,  a me fa venire una gran voglia di leggerlo, perchè in fondo quella persona la senti vicina, fa parte di un piccolo universo di riferimento, è legata a qualche ricordo. Ester, come me, fa parte della coda di quella generazione di salinesi ‘estivi’, bambini e poi ragazzi, che hanno vissuto parecchie estati al paesello dei nonni o dei genitori. Il grosso di quel gruppone di giovani schiamazzanti era nato negli anni Settanta, qualcuno arrivava dai Sessanta e gli ultimi erano dei primi anni Ottanta. Come Ester e suo fratello Guido. Poi siamo tutti cresciuti, le estati si sono rimpicciolite, stritolate fra lo studio, il lavoro e le vacanze, quelle istituzionali, da fare rigorosamente in montagna o in Sardegna. Salino è diventato per molti di quei ragazzi il posto dove fare capolino, se si riesce, il 15 di agosto. Però è rimasto, fra molti di noi, un legame, una familiarità che ci fa essere felici di rivedersi anche quando passano mesi o anni fra un incontro e l’altro. Una felicità fatta di ricordi, da ravvivare con poche parole e qualche battuta. In quel gruppone di figgeu ognuno ha preso la sua strada; mi ha fatto molto piacere scoprire che quella di Ester l’ha portata in libreria, in questo modo la sua strada sarà anche un po’ di tutti quelli che vorranno leggerla. Invito lei a passare da queste pagine e lasciare un saluto, e chi la leggerà a lasciare un commento. Senza però dimenticare… chi fra i compaesani in libreria, in maniera certamente più modesta, è già stato. Io ne conosco due. Il nostro ‘ingegnere’ Francesco ‘Franco’ Scotto, che ha contribuito a realizzare un volume veramente accurato e tecnico, dedicato a una storica tragedia dei mari, l’affondamento dell’Andrea Doria. Franco è stato il coordinatore del Gruppo di lavoro sulla collisione Stockholm -A. Doria che ha realizzato  T/N Andrea Doria 1956-2006, per non dimenticare’ edito dai Fratelli Frilli di Genova. L’altro scrittore quasi per caso sono io, che, ormai più di dieci anni fa pubblicai, su commissione, insieme ad Andrea Carpi, l’introvabile ‘Focaccia doc’, edito da Sagep. Chi ne conosce altri, anche del passato, si faccia vivo, apriamo una sezione dedicata agli scrittori del paese!

Auguri, Ester!

Questa voce è stata pubblicata in eventi. Contrassegna il permalink.

7 risposte a Giovani salinesi di successo: Ester

  1. Antonio scrive:

    Grande Ester……

  2. Zubbizareta scrive:

    Grande Ester………..

  3. OCCHIO scrive:

    Complimenti Ester e in bocca al lupo per questa nuova avventura
    grazie Fili per queste chicche

  4. Ester scrive:

    Filippo grazie, che bella sorpresa! orgogliosa di essere salinese (e anche mezza senese, per mamma e nobil contrada del Bruco).
    vi lascio il booktrailer del libro, una produzione Laboratorio Probabile Bellamy:

    Storia naturale di una famiglia / booktrailer from laboratorio probabile on Vimeo.

    se il codice non visualizza il video, questo è il link:
    http://vimeo.com/24210314

    a presto!
    Ester

  5. alessandra scrive:

    Ciao Ester, tantissimi complimenti, che sia il primo di una lunghisssima serie…..
    Mi raccomando ci vediamo il 15 Agosto con penna per dedica sulla prima pagina.

    In bocca al lupo.

    Bacioni

  6. andrea scrive:

    ma guarda se doveva scrivere un libro Ester perchè io sapessi che c’è un sito su Salino… tantissimi complimenti e penna pronta per autografi.
    Per Filippo sappi che, se può essere interessante, credo di poter pescare delle “belle” foto dei giovani schiamazzanti degli anni ’70. Essendo dei ’60 (giusto a metà), avevo già la possibilità di usare la Kodak.
    Saluti a tutti

  7. caperana scrive:

    benvenuto Andrea e ben vengano le foto!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
4 + 13 =